Ars Europa blog

Bernando Pulci e la Presentatione di Barlaam e Iosafat

Bernando Pulci e la Presentatione di Barlaam e Iosafat

Il fiorentino Bernando Pulci, nato l’8 ottobre 1438, non fu unicamente un valente rimatore in volgare, ma anche un uomo d’affari.

Protetto dalla famiglia de’ Medici di Firenze, ottenne numerosi incarichi, tra cui quello di provveditore degli ufficiali dello Studio di Firenze e di Pisa e di camerario nel Mugello.

Membro dell’Accademia dei Buccoici, pubblicò nel 1482, assieme a Francesco Arsocchi, Girolamo Benivieni e Iacopo Buoninsegni, una raccolta di Egloghe che è ritenuta la prima opera della poesia pastorale in volgare.

Bernardo Pulci - Presentatione di Barlaam e Iosafat
Illustrazione tratta da Bernardo Pulci – Presentatione di Barlaam e Iosafat

È anche autore di versi d’amore e della “Presentatione di Barlaam e Iosafat”, qui in formato Pdf sul blog di Ars Europa, nell’edizione del 1558, conservata nella Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

LINK EDIZIONE PDF

Roger de Piles

Roger de Piles e L’Abrégé de la vie des peintres

Nato a Clamecy, nel Nievre Roger de Piles studiò filosofia teologia, ma si dedicò prevalentmeente alla pittura.

Nel 1662 divenne tutore di Michel Amelot de Gournay, e lo seguì per tutta la vita, facendogli da segretario nelle sue varie missioni come ambasciatore francese a Venezia, in Portogallo e in Spagna.

A Venezia, tra il 1682 e il 1685, iniziò una famosa collezione di stampe, disegni e pitture di Giorgione, Correggio, Rembrandt, Claude Lorrain, Rubens, Antoine Coypel, Jean-Baptiste Forest.

Acquisì anche un gusto per gli intrighi politici, usando il suo basso profilo di viaggiatore, che studiava le collezioni europee come acquirente per conto Luigi XIV, come copertura per missioni confidenziali – ad esempio in Germania e Austria, nel 1685 al seguito del ministro di Luigi, il marchese di Louvois.

L'Abrégé de la vie des peintres di Roger de Piles
L’Abrégé de la vie des peintres di Roger de Piles

Nel 1692, durante la guerra della Lega d’Augusta, fu arrestato a L’Aia mentre aveva un passaporto falso e imprigionato per cinque anni. Passò il suo tempo scrivendo L’Abrégé de la vie des peintres, pubblicato nel 1699 in seguito alla sua nomina come Conseiller Honoraire alla Académie de peinture et de sculpture.

Nel 1705 seguì Amelot de Gournay in Spagna ma lo stato di salute lo costrinse a tornare a Parigi, dove morì nel 1709.

Qui Abrégé de la vie des peintres, conservato nella Bibliothèque nationale de France, in formato PDF.

Abrégé de la vie des peintres in PDF

Giampietro Zanotti

Giampietro Zanotti e La Storia dell’Accademia Clementina di Bologna

Pittore e scrittore, Giampietro Zanotti nacque il 3 ottobre 1674 a Parigi, dove la sua famiglia lo portò all’età di dieci anni a Bologna. Qui visse il resto della sua vita e vi morì nel 1755.

Ebbe l’avviamento all’arte da Lorenzo Spisanelli. I suoi quadri sono tuttora nelle chiese di Bologna, come la Madonna col Bambino nel capitolo di San Petronio, Gesù Cristo e San Tommaso in San Martino e Santa Caterina de’ Vigri nel Corpus Domini. Non gli mancarono i committenti al di fuori del capoluogo felsineo, da Imola a Cortona e da Fano a Perugia.

I saggi letterarî principiarono nel 1710 con un breve dialogo Sopra la delicatezza delle pitture della seconda maniera di Guido Reni.

I viaggi attraverso la penisola, in Francia e in Germania, istruirono sempre più lo Zanotti che, nel 1719, si fermò a lungo in Roma per attendere a parecchi studî.

Ritornato a Bologna, divise la propria attività fra i dipinti e gli scritti.

Difese il Malvasia contro varie censure mossegli, ristampò con aggiunte le Pitture di Bologna, compose due tragedie, Didone e Coriolano, raccolse in alcuni volumi i suoi componimenti e nel 1739 fece uscire la Storia dell’Accademia Clementina di Bologna, giudicata una miniera di elenchi d’opere e di aneddoti biografici.

Zanotti - Storia dell'Accademia Clemetina
Zanotti – Storia dell’Accademia Clemetina

Un tentativo empirico di storia e di critica dell’arte fu edito postumo, nel 1756, la Descrizione ed illustrazione delle pitture di Pellegrino Tibaldi e Niccolò Abbati esistenti nell’Istituto delle scienze, insieme con le vite rifuse dei due pittori principali del palazzo Poggi, ora Università.

Qui i due volumi della storia dell’Accademia Clementina, in formato PDF.

VOLUME I

VOLUME II

 

 

Nuovo look per Ars Europa

Il nuovo look di Ars Europa

Per venire incontro alle nuove esigenze multimediali e mobile, Ars Europa ha rinnovato il proprio sito.

Le varie sezioni sono facilmente fruibili su tutte le piattaforme, dalla tradizionale navigazione con Personal Computer e Mac, fino ai tablet e smartphone di ultima generazione.
Anche i singoli canali, come Polisemantica, Ars Europa Channel e la nostra Academy sono stati riprogettati.

Una nuova interfaccia, semplice, funzionale e intuitiva per godere al meglio i nostri contenuti, sempre più apprezzati.

Archivio di Ars Europa

L’archivio di Ars Europa

Accedi all’archivio delle news di Ars Europa, catalogate anno per anno, a partire dal 2004, fino al 2018

https://www.arseuropa.org/news_archivio.html

Buona consultazione!