Roger de Piles e L’Abrégé de la vie des peintres

Roger de Piles

Nato a Clamecy, nel Nievre Roger de Piles studiò filosofia teologia, ma si dedicò prevalentmeente alla pittura.

Nel 1662 divenne tutore di Michel Amelot de Gournay, e lo seguì per tutta la vita, facendogli da segretario nelle sue varie missioni come ambasciatore francese a Venezia, in Portogallo e in Spagna.

A Venezia, tra il 1682 e il 1685, iniziò una famosa collezione di stampe, disegni e pitture di Giorgione, Correggio, Rembrandt, Claude Lorrain, Rubens, Antoine Coypel, Jean-Baptiste Forest.

Acquisì anche un gusto per gli intrighi politici, usando il suo basso profilo di viaggiatore, che studiava le collezioni europee come acquirente per conto Luigi XIV, come copertura per missioni confidenziali – ad esempio in Germania e Austria, nel 1685 al seguito del ministro di Luigi, il marchese di Louvois.

L'Abrégé de la vie des peintres di Roger de Piles
L’Abrégé de la vie des peintres di Roger de Piles

Nel 1692, durante la guerra della Lega d’Augusta, fu arrestato a L’Aia mentre aveva un passaporto falso e imprigionato per cinque anni. Passò il suo tempo scrivendo L’Abrégé de la vie des peintres, pubblicato nel 1699 in seguito alla sua nomina come Conseiller Honoraire alla Académie de peinture et de sculpture.

Nel 1705 seguì Amelot de Gournay in Spagna ma lo stato di salute lo costrinse a tornare a Parigi, dove morì nel 1709.

Qui Abrégé de la vie des peintres, conservato nella Bibliothèque nationale de France, in formato PDF.

Abrégé de la vie des peintres in PDF

Comments are closed.